IL cibo e la dimensione del sacro

PNEUMA 4
In ascolto dello spirito
Il cibo e la dimensione del sacro
19 giugno – 10 luglio, Museo della città e Corte degli Agostiniani
Ciclo di incontri con Enzo Bianchi, MoniKa Bulaj, Maciej Bielawski, Eleonora Frattarolo,
Marcello Ghilardi, e con un’azione teatrale di Massimo Bedosti e Antonella Oggiano
Enzo Bianchi e Monika Bulaj

L’ Assessorato alla Cultura e Identità dei luoghi del Comune di Rimini, in collaborazione con l’associazione multiculturale Vite in transito, promuove la quarta edizione di Pneuma, in ascolto dello spirito, ciclo di incontri coordinato da Mariolina Tentoni. La rassegna propone una riflessione sulla dimensione spirituale del cibo: spirito del cibo e cibo dello spirito. Il cibo dall’antichità ad oggi, in ogni luogo è rapporto con il cosmo e la Terra madre; relazione convivialità e ospitalità; scambio e veicolo di culture; sostanza di riti, offerte e sacrifici alla divinità. Esplorare la valenza simbolica, sacrale, relazionale, sociale del cibo attraverso linguaggi diversi- conversazioni, arte iconografica e fotografica, teatro – in culture e contesti diversi può permetterci di nutrire la vita, recuperando dimensioni perdute del nostro vivere come il senso di responsabilità, la solidarietà, la gratitudine, l’ospitalità .
I primi 2 incontri sono inseriti nel programma del Festival del mondo antico:
venerdì 19 giugno, ore 21, Corte degli Agostiniani, via Cairoli, Rimini
Enzo Bianchi Il cibo e la sapienza del vivere
Domenica 21 giugno ore 21,30 Museo della città, via Tonini, 1 Rimini
Monika Bulaj Mangia un po’ di tè
In Tajikistan le persone salutano lo straniero dicendo: “caj kusai”, che significa mangia un po’ di tè. E con il tè arrivano tante cose – latte acido, focacce, vitello, ospitalità – come sotto la tenda di Abramo. Per sicurezza, nel caso lo straniero si rivelasse un angelo. Il racconto on the road, sull’accoglienza e sull’ascolto, da Tangeri al Tibet, sul concetto di ospitalità, dimenticato in Occidente.

Notizie sui relatori
Enzo Bianchi
Fondatore e priore della comunità monastica di Bose, autore di numerosi saggi, tra cui con Einaudi: Il pane di ieri, pluripremiato; Fede e fiducia; Ogni cosa alla sua stagione; L’altro siamo noi; presso San Paolo: Ingordigia. Il rapporto deformato col cibo; con la casa editrice di Bose, Qiqajon Nella libertà e per amore collabora con varie testate: La stampa, Repubblica, Avvenire.
Monika Bulaj: Fotografa, reporter e documentarista, pubblica da diversi anni reportage sui confini estremi delle fedi, sulle minoranze etniche, i popoli nomadi, gli intoccabili e i diseredati in Asia, Africa ed Europa. Tra le testate giornalistiche con cui ha collaborato: “Corriere della Sera”, “GEO”, “National Geographic”, “Courrier International”, “La Repubblica”, “D-Repubblica”, “Il Venerdì”, “Io Donna “, “Gazeta Wyborcza”. Insignita di numerosi riconoscimenti, ha all’attivo circa 60 mostre fotografiche tra New York e Il Cairo
La partecipazione agli eventi è gratuita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: