Grazie alla vita, che mi ha dato tanto

 

 

Gracias a la vida è una bella canzone di Violeta Parra, che canta spesso la nostra amica e socia Marcela Huizar . Voglio ringraziare per la bella esperienza che abbiamo vissuto con l’aperitivo musicale e solidale del 21 aprile. Era una festa ma abbiamo cominciato ricordando Makha Niang, un ragazzo senegalese ucciso a Rimini qualche giorno prima. Una morte che ci riguarda, un lutto per la sua famiglia e la sua comunità e per tutta la comunità umana; chi uccide un uomo, uccide tutta l’umanità. Una morte che ferisce la nostra umanità. La ferita e il dolore si mescola alla gioia. Grazie alla vita che ci ha dato il pianto e la gioia. Questo aperitivo era una festa dell’incontro, con un buffet molto ricco preparato dalle socie e dalle amiche di Vite in transito; c’erano molte persone, anche viserbesi e c’erano per la prima volta a una iniziativa di ViT una ventina e più di ragazzi richiedenti asilo inseriti nelle strutture di prima accoglienza delle cooperative Cento fiori e Terre solidali; alcuni di loro hanno anche cucinato un ottimo piatto a base di pesce. cous cous e verdure. E c’era dell’ottima musica della Compagnia delle tammorre, con Sergio Masula, Rita, Carmen che cantava , Pino, Luca, Marcela, Elena che ballava la pizzica e Luciano che leggeva poesie napoletane. Una vera gioia. Un piccolo miracolo di incontro e di condivisione. Tutti e tutte eravamo contenti/e, sia i ragazzi africani che si sono sentiti accolti e “ integrati”, sia noi autoctoni che ci siamo aperti e “integrati” con questi ultimi che arrivano da lontano. Voglio ringraziare di cuore tutti e tutte: chi ha cucinato e organizzato, chi ha suonato e cantato e ballato, chi ha partecipato. Abbiamo bisogno di queste esperienze di apertura gioiosa, di solidarietà festosa e di condivisione. Abbiamo presentato il progetto Indovina chi viene a cena, una proposta di incontro tra residenti e richiedenti asilo che passa attraverso la convivialità, un’occasione per conoscere persone portatrici di altre culture, competenze ed esperienze anche dolorose, un modo per liberarci dai pregiudizi e dalle nostre paure. Uno scambio arricchente per tutti e tutte.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: